Piovono pezzi!

Può sembrare strano (ed in effetti lo è) ma questo è quello che è accaduto in Belgio pochi giorni fa. 

Il Boeing 747-400F, operato da Magma Aviation, un vettore cargo con sede nel Regno Unito, era in partenza dall’aeroporto belga di Liegi-Bierset alla volta di Malta. Durante però la fase di “climb”, a circa 5000 piedi, una parte della carenatura di uno dei quattro motori si è staccata, piombando in caduta libera verso il suolo. 

Sfortuna ha voluto che nel momento dell’accaduto l’aereo si trovasse a sorvolare il centro abitato di Waremme, con il rischio di coinvolgere in maniera presumibilmente fatale persone, animali o cose. Nessuno è però rimasto ferito nell’incidente, nessuno tranne il tetto del garage del signor Louis Demaret. 

Il proprietario di casa ai microfoni della francese 7sur7 ha spiegato così il bizzarro evento:

“Eravamo nella nostra stanza e abbiamo sentito il rumore di un aereo che sorvolava la casa[…]. Poco dopo il suo passaggio, si è verificato un rumore molto forte. Pensavo fosse dovuto al temporale e dalla nostra finestra non si vedeva nulla. Solo in mattinata un nostro vicino ci ha avvertiti e abbiamo notato la presenza del pezzo e il danno”. 

 

alcune immagini dell'accaduto

Sul posto sono ovviamente intervenuti polizia locale e vigili del fuoco per assicurarsi della struttura dello stabile danneggiato e per rimuovere il pezzo incriminato. Molto probabilmente, ed è giusto che sia così, la storia non si concluderà con un nulla di fatto e si spera che il proprietario possa, quantomeno, essere risarcito del danno subito. Difatti la AAIU (Unità Investigativa sugli Incidenti Aerei) starebbe già avviando un’indagine per cercare di scoprire il come e il perché di questo insolito evento che avrebbe potuto assumere connotati ben più gravi. 

Vi è però da far notare come, per quanto strano, vi siano stati numerosi altri episodi di parti di un aereo che si distaccano in volo. Senza andare troppo indietro con gli anni infatti, possiamo brevemente citare quando nel 2021 un Boeing 777-200 della United Airlines, mentre sorvolava una cittadina del Colorado, numerose parti, costituenti la carena del motore, caddero colpendo case e vetture, per fortuna anche lì nessuna vittima. Anche in Italia, nel 2019, più parti di un Boeing 787 Norwegian caddero tra Fregene e Isola Sacra, poco distanti da Fiumicino. Il mezzo, da poco decollato fu costretto ad un atterraggio di emergenza. L’incidente fece comunque scalpore perchè da quanto affermano i testimoni, le parti in caduta erano incandescenti e, seppur fortunatamente neanche questa volta ci siano state vittime, i danni a edifici e automobili sono stati ingenti. Questi costituiscono solo alcuni degli incidenti di questa tipologia avvenuti negli ultimi anni. 

Nel mondo dell’aviazione, esiste addirittura una terminologia, di stampo anglosassone, per descrivere questo fenomeno: parts departing aircraft oppure parts detached from aeroplanes (PDA), objects falling off airplanes (OFA), things falling off aircraft (TFOA). Tradotto alla lettera: parti in “partenza” dell’aeromobile o le parti staccate dagli aeroplani (PDA), oggetti che cadono dagli aerei (OFA), cose che cadono dagli aerei (TFOA). 

Essendo questi eventi come più volte ripetuto, insoliti ma non del tutto impossibili, sembra vi siano anche casi dove purtroppo vi sono state coinvolte persone, anche in maniera fatale. Nonostante questo però, non vi è mai stata una conferma ufficiale da parte della FAA (Federal Aviation Administration).

 

In foto, un Boeing 747-400F di Magma Aviation.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »